straordinario e badanti como

Como: il Contratto Nazionale dei Collaboratori Domestici, lo Straordinario

“Badante” è un termine italiano che viene utilizzato anche a Como per descrivere una persona che si occupa del sostegno e dell’assistenza di individui che non sono in grado di prendersi cura di se stessi a causa di età avanzata, malattia o disabilità.

Questo può includere l’assistenza con le attività quotidiane come il cibo, la pulizia, i bagni e la mobilità, nonché la compagnia e il supporto emotivo.

Alcune badanti a Como vengono assunte per gestire la persona alcune ore durante la giornata (Badante a Ore), in base a quali sono le esigenze ed il momento di maggiore necessità; alcune badanti vivono con la persona di cui si prendono cura (Badante convivente), altre ancora lavorano durante la notte (Badante notturna) per le problematiche della persona da assistere.

Il termine “badante” si riferisce specificamente a coloro che forniscono questo tipo di assistenza in un ambiente domestico, piuttosto che in un ospedale o in una struttura di assistenza a lungo termine.

Detto questo trattiamo l’argomento del lavoro straordinario.

Secondo l’articolo 15 del contratto nazionale dei collaboratori domestici, ovvero delle badanti, vengono specificati vari punti rispetto al lavoro straordinario proprio della badante.

Partiamo con il fatto che al lavoratore può essere richiesta una prestazione lavorativa oltre l’orario stabilito, sia di giorno che di notte, tenendo conto che questo lavoro straordinario non pregiudica il diritto al riposo giornaliero.

È considerato lavoro straordinario quello che eccede la durata giornaliera o settimanale massima fissata all’art. 14, comma 1.

Lo straordinario è compensato con la retribuzione globale di fatto oraria così maggiorata:

  • del 25%, se prestato dalle ore 6.00 alle ore 22.00
  • del 50%, se prestato dalle ore 22.00 alle ore 6.00
  • del 60%, se prestato di domenica o in una delle festività indicate nell’art. 16

Le ore di lavoro delle badanti non conviventi:

  • oltre le ore 40 e fino alle ore 44 settimanali, se eseguite nella fascia oraria compresa tra le ore 6.00 e le ore 22.00, sono compensate con la retribuzione globale di fatto oraria maggiorate del 10%
  • se vengono superate le 44 ore settimanali la maggiorazione diventa del 25% sulla retribuzione globale
  • per il lavoro straordinario notturno la maggiorazione prevista è del 20% (e si tratta del lavoro svolto dalle 22.00 alle 6.00)

Per quanto riguarda la badante convivente, sulla giornata non è possibile attuare uno straordinario, eventualmente può essere chiesto di lavorare nel giorno di riposo che è il sabato, mai la domenica, e la maggiorazione sarà del 40%.

Se invece la collaboratrice domestica lavora nel giorno di riposo, e questo è indipendentemente dal fatto che sia convivente o ad ore, la maggiorazione sarà del 60%.

Le ore di lavoro straordinario è bene che siano richieste con almeno un giorno di preavviso, salvo casi di emergenza o particolari necessità impreviste.

 

Per leggere altri approfondimenti sulle agenzie badanti, oppure se vuoi scoprire come mettere in regola la tua badante e quali sono tutti i passaggi burocratici da rispettare, contattaci! Con Aes Domicilio siamo attivi in tutta la Regione Lombardia, in Lazio ed in particolare nelle province di Milano e Roma se cerchi Badanti a Milano, Badante a MonzaBadante a Lecco e Badante a Roma.