badante ester como

Como, la Storia di Integrazione della Badante Ester

Ester era una giovane donna moldava che aveva deciso di trasferirsi in Italia per cercare migliori opportunità di lavoro.

Grazie alla sua esperienza nel settore dell’assistenza agli anziani, trovò un impiego come badante a Como presso una famiglia italiana.

Il suo compito principale era prendersi cura di un anziana di nome Gioia, che aveva bisogno di assistenza nella vita di tutti i giorni a causa di problemi di salute.

Gioia era dolce e gentile, ma si sentiva spesso sola e triste.

Aveva sempre avuto una grande passione per il cucito, ma a causa della sua età e dei suoi problemi di salute, non riusciva più a svolgere questa attività come un tempo.

Un giorno, Ester decise di portare un vecchio telaio da cucito che aveva trovato in soffitta. Era lo stesso tipo di telaio che sua nonna usava quando era bambina e ricordava ancora le ninne nanne che sua nonna cantava mentre cuciva, pensando che potesse essere un modo per ridare a Gioia un po’ di gioia e di conforto.

Con grande entusiasmo, Ester mostrò a Gioia il telaio e gli raccontò delle sue esperienze d’infanzia con sua nonna.

Con pazienza, iniziò a insegnargli le basi del cucito, come infilare l’ago, fare un nodo e cucire punti semplici, si sentiva come un bambina che impara qualcosa di nuovo e si emozionava ogni volta che completava un piccolo progetto.

Trascorrevano ore insieme, cucendo e condividendo storie della loro vita.

Ester raccontava di come sua nonna cuciva abiti meravigliosi per lei e per i suoi fratelli, mentre Gioia condivideva ricordi delle sue creazioni passate e di come il cucito fosse sempre stato una forma di espressione.

Man mano che il tempo passava, Gioia acquisiva sempre più fiducia nelle sue abilità di cucito.

Iniziò a realizzare piccoli progetti come cuscini e tovagliette, e ogni volta che completava un pezzo, il suo viso si illuminava di gioia e soddisfazione.

Era grata a Ester per avergli ridato questa passione e per avergli insegnato le competenze necessarie per realizzare i suoi progetti.

La loro relazione andava oltre il normale rapporto tra badante e assistita.

Con il passare del tempo, dopo aver preso sempre più dimestichezza, organizzò una piccola esposizione nella sua comunità locale, dove espose i suoi cuscini e le sue tovagliette fatte a mano.
La reputazione di Gioia come abile sarta si diffuse rapidamente nella comunità.

Le persone iniziarono a cercarla e insieme alla badante, creavano abiti su misura, riparavano vecchi capi di abbigliamento e realizzavano oggetti unici.

Ester era estremamente orgogliosa di Gioia e del suo successo, aveva sempre creduto nel potere dell’arte e dell’espressione creativa come strumenti per guarire l’anima e riaccendere la gioia di vivere.

 

Come cercare una badante? Affidati ad AES Domicilioagenzia di selezione badanti in 24 ore. Disponiamo di prezzi e costi delle badanti estremamente competitive e siamo attivi su tutta la Lombardia, in Lazio e in particolare nelle province di Milano e Roma se cerchi Badanti Milano, Badante MonzaBadante Lecco Badante Roma.