educazione disturbi apprendimento dsa Como

L’AUTISMO: I GENITORI APPRENDONO STRATEGIE PIÙ EFFICACI

I GENITORI APPRENDONO STRATEGIE PIÙ EFFICACI PER COMUNICARE CON I MINORI AUTISTICI

AES Domicilio promuove e sviluppa, grazie alla collaborazione della sua equipe di specialisti, l’intervento dell’educazione assistita per minori con problemi comportamentali e in generale per ogni situazione specifica. Ció si raccomanda soprattutto negli anni della crescita, nell’adolescenza e in chi soffre di specifici disturbi dell’apprendimento, rallentando così l’assimilazione di percorsi standard. Si pensi all’autismo: negli anni scorsi si è spesso parlato di un forte aumento dei casi di autismo, addirittura di un’epidemia in corso. In realtà, quei numeri sono stati molto ridimensionati e si sospetta che, più che un aumento dei casi, riflettano un aumento delle diagnosi, dovuto a una maggiore consapevolezza e sensibilizzazione sul disturbo. Offriamo i nostri servizi a minori e famiglie di Como, Lecco, Monza e provincia.

La Linea Guida sull’autismo pubblicata dall’Istituto Superiore di Sanità dà alle famiglie dei bambini e degli adolescenti con autismo una serie di indicazioni sugli interventi efficaci per il trattamento del disturbo. Una serie di interventi vengono indicati come efficaci: sono in particolare quelli mediati dai genitori, che imparano da professionisti ad applicare nella quotidianità le modalità di comunicazione adatte ai figli, e quelli fondati su programmi intensivi comportamentali, fra i quali i più studiati sono quelli basati sull’analisi comportamentale applicata. Ecco l’intervento su cui spesso insistiamo, ed ecco l’importanza di una guida sicura per affrontare meglio le vostre giornate.

Grande cautela è d’altra parte consigliata per i trattamenti con farmaci, alcuni dei quali vengono apertamente sconsigliati, come pure viene ricordato che non c’è alcuna prova scientifica che siano utili le diete che escludono caseina o il glutine, così come i farmaci antidepressivi, la terapia con ossigeno iperbarico, la chelazione. Si tratta di una “famiglia” di disturbi che comprende le forme tipiche e atipiche di autismo. In tutti i casi si tratta di disturbi causati da un disordine organico dello sviluppo, che coinvolgono l’interazione sociale e le capacità di comunicazione, le modalità di comportamento e il tipo di interessi e attività: questi problemi si manifestano entro i primi 3 anni di vita. Hanno difficoltà anche molto gravi nel linguaggio, che può essere ripetitivo e non utile alla comunicazione oppure del tutto assente, scarsa o nulla capacità di interagire con gli altri (sia adulti sia coetanei) dal punto di vista emotivo e per questo si comportano e comunicano in modo non adeguato alla loro età e al loro sviluppo mentale.

Psicologi, pediatri, neuropsichiatri infantili, psichiatri, medici di medicina generale, logopedisti, terapisti della neuro e psicomotricità, epidemiologi, metodologi sviluppano continuamente le conoscenze su numerosi aspetti di questo disturbo perché é complesso, con caratteristiche simili, ma che si esprimono in modi e livelli di gravità molto variabili tra loro (disturbi dello spettro autistico). Ció a cui si indirizzano le famiglie sono percorsi integrati, che comprendono sia interventi pedagogici e abilitativi, sia terapie farmacologiche per i sintomi associati. Al centro del percorso ci sono i bambini coinvolti attivamente nella gestione del trattamento e i genitori o le persone che passano molto tempo con loro che supportano e imparano essi stessi i metodi educativi da applicare giorno dopo giorno. Aes Domicilio chiede ancora la vostra collaborazione: la famiglia e la scuola devono rappresentare il perno per i nostri figli, la guida per ogni incertezza, ma l’approccio educativo improntato dagli specialisti del settore riusciranno a sancirne maggiormente l’importanza, rappresentando un vero a proprio ponte della comunità.